OUTDOOR | OUT OF OFFICE | OUTFIT | OUT …

 

Avete solo l’imbarazzo di scegliere tra il dèhor o la terrazza fiorita, sotto gli ombrelloni.

Oggi più che mai il termine “OUT”, sempre più di uso comune anche nella lingua italiana, ha un senso, un valore che - fino a poco più di un anno fa - non avremmo mai immaginato di attribuirgli.

Ovviamente, speriamo di esser “fuori” definitivamente nel corso dei prossimi mesi, ma siamo anche convinti che stare all’aria aperta sia fondamentale per la nostra esistenza. 

E, sinceramente, abbiamo tutti quanti desiderato di poterci finalmente gustare un pasto, anche solo una pizza o un panino, con le gambe sotto a un tavolo, piuttosto che su di una panchina o sulla scrivania. E anche nel migliore dei casi, in tele-lavoro, home o smart working, il rischio di assumere cattive abitudini esiste e alimenta la frenesia del pasto, alterando fisicamente e psicologicamente il concetto intrinseco di “pausa”. Vi sono delle buone regole, dei nuovi stili di vita che questa pandemia ci ha imposto da una parte, ma che dall’altra potremmo cogliere riflessioni di maggiore consapevolezza.

Noi siamo pronti, abbiamo igienizzato, abbiamo distanziato, abbiamo preso ogni precauzione, ma contiamo tantissimo sul vostro aiuto nell’applicare tutti gli accorgimenti di buon senso.

Grazie